Immagine
“Cupcakes are gay muffins” dicono gli americani, una battuta che ben riassume le differenze tra i due dolcetti monoporzione: i muffin possono essere anche salati, sono sicuramente di grana più grossa, e sono caratterizzati dalla montagnetta che esubera dal bordo del pirottino detta “muffin top”. Le cupcake sono invece più basse, hanno una textura più fine, vengono proposte in versioni anche piuttosto raffinate e sono più o meno abbondantemente glassate, ricoperte di frosting o decorate con dischi ed elementi in pasta di zucchero o marzapane.
Dove i muffin si presentano in modo rustico, con frutta, gocce di cioccolato e noci a vista, le cupcake sono sempre “in tiro”, ben adornate da pirottini colorati e intagliati, decorate con creme e zuccherini color pastello, caramelle, fiori, bandierine etc.

La prima ricetta che cita il nome “cupcake” risale al 1828, quando molti cuochi erano ancora analfabeti, soprattutto negli Stati Uniti, e le istruzioni per realizzare i dolci venivano tramandate basandosi sulle proporzioni (una tazza, o cup, di burro, due di zucchero, tre di farina etc). È facile supporre che cuocerle in piccole porzioni permettesse alla massaia di risparmiare sul carbone del forno.

Pur popolari da sempre in Inghilterra e soprattutto in America come facile soluzione da servire alle feste dei bambini o da vendere alle fiere di beneficenza, una decina di anni fa le cupcake sono passate dall’essere percepite come un dolcetto casalingo a uno snack da piacere proibito per le donne di città: se la cupcakemania ha invaso il pianeta lo dobbiamo infatti alla serie Sex and the City, al modo di Miranda di compensare con gli zuccheri le sue carenze affettive saccheggiando le pasticcerie newyorkesi e soprattutto alla puntata in cui proprio Carrie e Miranda mangiano due cupcake alla vaniglia (di seguito la ricetta) con frosting rosa sedute davanti a Magnolia Bakery, nel West Village.


RICETTA BASE CUPCAKES

Ingredienti per 12 cupcake:
100gr di farina lievitata
70gr farina 00
110gr burro a temperatura ambiente
210gr zucchero
2 uova
110ml latte
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Per la buttercream alla vaniglia
100gr burro a temperatura ambiente
250gr zucchero a velo
4 cucchiai di latte
2 cucchiaini di estratto di vaniglia
1 cucchiaino di colorante alimentare liquido


Metodo:
Accendete il forno a 180° e sistemate i pirottini nella teglia apposita.
Setacciate le farine insieme in una ciotola.
Mescolate latte e vaniglia in un bicchiere.
Sbattete il burro nella planetaria, o in una grossa ciotola con l’aiuto di una frusta elettrica, fino a farlo diventare una crema; aggiungete lo zucchero man mano, sempre sbattendo per circa tre minuti.
Aggiungete un uovo alla volta, poi, alternandoli, il mix di farine e il mix di latte e vaniglia.
Sbattete il giusto: gli ingredienti devono essere ben incorporati e il composto omogeneo ma non montato.
Versate la pastella nei pirottini, a ¾ dal bordo e infornate per circa 20 minuti o finché uno stuzzicadenti inserito al centro di una cupcake non esce asciutto.
Lasciate raffreddare per qualche minuto le cupcake nella teglia poi appoggiatele su una griglia fino a completo raffreddamento.
Per fare la buttercream sbattete nella planetaria o con la frusta elettrica il burro con metà dello zucchero a velo, la vaniglia e il latte a velocità media per 3-5 minuti.
Aggiungete gradualmente il resto dello zucchero testando la consistenza, che deve essere facilmente spalmabile, ed infine il colorante.
La crema si conserva per tre giorni a temperatura ambiente: le cupcake ricoperte durano altrettanto.



Avete mai provato a cucinare i cupcakes? O li avete semplicemente assaggiati?
Condividete con me le vostre opinioni!

JESSICA.

 
 
Immagine
Lontano settembre 2010, Serena e Blair passeggiano in una delle vie più incantevoli di Parigi con un sorriso splendente, ridendo e scherzando...e mangiando dolcetti. E' stato proprio in quel momento, grazie a Gossip Girl che sono venuta a conoscenza dei famosissimi Macarons di Ladurèe.
Un pò per via del mio essere golosa e un pò per l'effetto creato dal telefilm, sono stata conquistata e rapita da quei dolcetti tanto che da quell'anno in poi ne sono diventata una vera e propria dipendente.
Ideali per compleanni, tea party (vedi Guida Per L'organizzazione di un Tea Party), press day e ricevimenti; oggi voglio addolcirvi un pò, svelandovi i deliziosi segreti dei macarons di Ladurée.

La tesi più accreditata darebbe ai macarons italianissimi natali dal momento che la nobil donna Caterina de' Medici li avrebbe commissionati ad un pasticcere italiano per portarli in Francia nel 1533 come dono per il matrimonio con Enrico II, re di Francia. Pare addirittura che il nome macaron derivi dall'italiano dialettale maccarone. Sarà un caso che in Francia  ancora oggi gli emigrati italiani sono chiamati Les Macaronis?
Più noto per le incomparabili e ariose scatole verde pastello con nastri rosa, Ladurée è sinonimo di dolci di lusso. Inaugurato nel 1862 dal mugnaio e fornaio Louis Ernest Ladurée sulla Rue Royale , vicino all'Opéra Garnier, il negozio, pasticceria e sala da tè ha diverse sedi in giro per Parigi e nel mondo ed è una meta ambita per i buongustai e turisti .
Il macaron è prodotto principalmente da mandorle , zucchero e uova . Composto da due gusci croccanti premuti insieme e riempito con una piccola quantità di "marmellata" aromatizzata , il macaron può facilmente diventare una dipendenza . Sapori popolari includono caramello , cioccolato, caffè , vaniglia , lampone e pistacchio , ma Ladurée si mantiene interessante inventando un nuovo sapore ogni stagione .
I negozi vendono anche una varietà di dolci , cioccolatini d'autore e tè, nel regno del non commestibile , è ora possibile anche procurarsi candele profumate , fragranze per la casa, e una gamma di prodotti di bellezza che comprendono elementi quali mandorle crema viso o polveri tutti firmati Ladurée.

In Italia Ladurée lo potete trovare nelle seguenti città:
Ladurée Milan, Via Spadari, 6, 20123 Milano
Ladurée Milan chez Excelsior, Galleria del Corso nr 4, Milano
Ladurée Rome, Via Borgognona 4C, Roma
Ladurée Lucca, Vela Deparment Store - Piazza dei Mercanti,2 - 55100 Lucca
Immagine
La ricetta in se' non è complicata da realizzare, perchè è fatta di ingredienti semplici. La difficoltà piuttosto sta nel fare attenzione alle tecniche di lavorazione ed ai tempi di preparazione, in particolare al riposo. Meno complicato invece può risultare l'utilizzo del sac a poche per la farcitura.
Di ricette sui macarons sul web se ne trovano tantissime.Io vi ho riportato la ricetta originale di Ladurée ( cfr. Ladurée - Dolce, edizione Luxury Books).

Ingredienti:
275 g di mandorle polverizzate
250 g di zucchero a velo
6 albumi e 1/2
210 g di zucchero semolato
4-5 gocce di colorante alimentare del colore gradito (io per questa preparazione non ho usato coloranti).

Preparazione 

Versate in un mixer le mandorle polverizzate e lo zucchero a velo in modo da ottenere una polvere finissima e setacciatela in un recipiente.
Montate quindi gli albumi a neve, aggiungendo non appena diventano spumosi un terzo dello zucchero semolato, e continuate a sbattere sino a che lo zucchero non si è sciolto. Aggiungete ora un altro terzo dello zucchero e sbattete ancora per 1 minuto; infine aggiungete lo zucchero rimasto e sbattete nuovamente per 1 minuto. 
Con una spatola morbida, muovendo dal basso verso l'alto, incorporate la miscela di farina di mandorle e zucchero a velo, aggiungete il vostro colorante ed il mezzo albume precedentemente sbattuto in una ciotola. Mescolate adesso per qualche minuto in modo da far smontare leggermente l’impasto, rendendolo più morbido. L'impasto sarà pronto quando si staccherà dalla spatola formando un nastro.
Su una teglia rivestita di carta da forno, formate dei piccoli dischi da 3 a 4 centimetri di diametro servendovi della tasca da pasticciere con la sua bocchetta, avendo cura che il disco non si chiuda a punta.
Sbattete  leggermente la teglia sul vostro piano di lavoro in modo che i macarons finiscano di assestarsi e lasciate riposare i macarons per un'ora circa a temperatura ambiente prima di  infornarli in forno preriscaldato a 150 gradi. Questo periodo di riposo in francese viene chiamato “croutage” perchè il prodotto asciugandosi tenderà a formare una pellicola compatta ed omogenea.
Infornate quindi  e continuate a cuocere per 12/15 minuti circa sino a quando sui vostri macarons non si sarà formata una leggera crosticina cd. a guscio d'uovo (fondamentale perchè il vostro macaron conservi il suo interno umido ed arioso).
Per facilitare il distacco del macaron dal fondo della teglia senza che si rovini, usando un bicchiere, fate colare un po’ di acqua tra la teglia e la carta.
Non appena raffreddati, potete farcire i vostri macarons con marmellata di lamponi o con della crema ganache o crema al burro. Io li ho farciti con una ganache al cioccolato realizzata, fondendo a bagnomaria 150g di cioccolato fondente con 65g di panna liquida  cui sono stati aggiunti, a freddo, 35g di burro che potete, volendo, sostituire con olio extravergine di oliva.
Secondo la ricetta tradizionale, i macarons andrebbero conservati in frigo per circa 12 ore   prima di consumarli. In verità potete gustarveli sin da subito senza tediarvi con una lunga estenuante attesa.

Fatemi sapere se provate la ricetta o se avete mai assaggiato i macarons e ditemi che ne pensate!
Intanto come solito, vi lascio alla gallery con alcune immagine d'ispirazione.
Jessica

 
 
Halloween non sarebbe Halloween senza una parte sfiziosa!

In questo post ho deciso di racchiudervi qualche ricetta terrrrrrrrrrrrificante che potete benissimo realizzare con elementi base della cucina Italiana ma rivisitati con un po’ della vostra fantasia !

Perché, fidatevi…basta poco per rendere un piatto di pasta mostruoso!

Fatemi sapere poi che ne pensate!

Avete una fame da lupi?

Jessica
ANTIPASTI

Occhietti Vispi
  • Ingredienti:
carote
formaggio fresco cremoso
erba cipollina
olive nere
  • Preparazione:
Lavate e pelate le carote. Tagliatele in tocchetti di circa 3 cm.
A parte mescolate in una ciotola il formaggio fresco e l'erba cipollina.
Tagliate le olive a metà.
Con un cucchiaino prelevate una piccola quantità di crema di formaggio e poggiatela sul tocchetto di carota.
Mettete una metà di oliva nera sul formaggio senza premere troppo.

Folletti Maligni
  • Ingredienti:
cetriolini giganti in agrodolce
formaggio spalmabile
paprika
olive nere
sottilette
aneto per decorare
  • Preparazione:
Tagliate le estremità dei cetriolini (ben sgocciolati) in modo che abbiano le 2 sommità piatte.
A parte, mescolate il formaggio spalmabile con paprika.
Appoggiate i cetriolini sul vostro piatto da portata, e guarnite con un cucchiaino di salsa di formaggio e paprika. Cercate di formare delle palline, poiché devono avere la forma di piccole teste. Con granelli di pepe e fettine di olive nere componete i visi sdei gremlins.
Utilizzate dell'aneto per creare le chiome e delle olive nere per completare il tutto.
Ritagliando triangolini di sottilette create i cappellini.
Coprite e riponete in frigorifero fino a quando non portate in tavola, in modo che il formaggio rimanga ben solido. 

Wurstel-Mummia
  • Ingredienti:
6 Wurstel grandi
2 rotoli di pasta sfoglia
12 grani di pepe nero
  • Preparazione:
Preriscaldate il forno a 180°. Stendete le sfoglie su di un tagliere e tagliatele a striscioline di più o meno un centimetro di altezza. Avvolgete i wurstel con le striscioline di sfoglia in modo non troppo regolare, in modo da ricreare la tipica bendatura di una mummia, lasciando però uno spazio vuoto ad un' estremità.
Nell' estremità lasciata vuota fate due piccoli forellini con la punta di un coltello ed andateci ad inserire i grani di pepe.. ecco gli occhi! Stendete della carta da forno su di una placca e posizionatevi le vostre Wurstel-Mummia non troppo vicine fra loro (ricordatevi che la sfoglia tende a gonfiare un po' quando si cuoce), quindi ponetele in forno; non appena la sfoglia sarà bella gonfia e dorata (15/20 minuti) allora saranno pronti!
COCKTAILS

Il sangue di vampiro
  • Ingredienti:
5 cl di Martini rosso
5 cl di gin
5 cl di prosecco
soda quanto basta
sciroppo di granatina quanto basta
  • Preparazione:
Questo cocktail  altro non è che una semplice variazione di un aperitivo molto apprezzato, il Negroni sbagliato, a cui va aggiunto lo sciroppo di granatina per conferire un bel colore rosso acceso, simile al sangue di vampiro.  Potete miscelarlo semplicemente con ghiaccio a cubetti o per rendere ancora più l'effetto con ghiaccio tritato, passando il tutto in un frullatore capiente. Servite in coppe o calici che richiamino il tema vampiro, ancora più scenografico nelle sacche di plastica.

Il punch delle Streghe (versione analcolica)
  • Ingredienti:
10 cl di succo di ananas
10 cl di succo di arancia
5 cl di succo di lime
10 cl di succo di pompelmo
sciroppo di granatina
sciroppo di cranberry
5 lime
100 g di zucchero di canna
  • Preparazione: 
Lavate e tagliate il lime a cubetti, metteteli nel fondo della brocca o boule, versatevi sopra lo zucchero di canna, pestateli insieme con l'aiuto di un pestello in legno, riempite di ghiaccio a cubetti. Versate i succhi di frutta e infine il cranberry, mescolate con uno stinger o un cucchiaino da bar.

Mulled Wine
  • Ingredienti : 
1 arancia non trattata
8 chiodi di garofano
1/2 noce moscata grattugiata al momento
2 stecche di cannella
1 limone non trattato
200 gr di zucchero
1 lt di vino rosso
  • Preparazione : 
Tagliate sottilmente la scorza del limone e dell’arancia, senza prendere anche la parte bianca, che renderebbe amara la preparazione.
In un tegame di acciaio dai bordi non troppo alti, versate 1 litro di vino rosso corposo, lo zucchero, le spezie, le bucce del limone e dell’arancia.
Messa la pentola sul fuoco, portate lentamente a ebollizione: fate bollire a fuoco basso per 5 minuti mescolando fino al completo scioglimento dello zucchero.
A questo punto avvicinate una fiamma alla superficie, del vino, facendo molta attenzione a non scottarvi: l’alcol contenuto nel vino prenderà fuoco, e voi dovete lasciarlo fiammeggiare fino al completo spegnimento. Quando il fuoco si sarà spento, filtrate il vin brulè con un colino a maglie fittissime e servitelo fumante.
  • Consigli: 
Per servire il vin brulé, è consigliabile usare boccali o tazze di ceramica, o di vetro temprato, perché il vetro di un normale bicchiere potrebbe non reggere all'eccessivo calore e incrinarsi o addirittura spaccarsi immediatamente.
Inoltre per bollire il vin brulé, non è consigliabile usare pentole antiaderenti.
PRIMI PIATTI

Riso alla Zucca Incantata
  • Ingredienti:
350 gr di riso arborio superfino
400 gr di zucca bernoccoluta
50 gr di burro
800 gr di latte
1 cipollina
parmigiano grattugiato
sale
  • Preparazione : 
pulire e tagliare la zucca a dadini e mettere da parte. Inserire nel boccale burro e cipolla. Unire la zucca 300 gr di latte e sale. Mescolare per qualche minuto poi aggiungere latte rimasto e infine il riso. Versare in un zuppiera e servire dopo qualche minuto con parmigiano.

Capelli di Dracula alle Larve Ammuffite
  • Ingredienti:
500 g. di spaghetti al nero di seppia
400 g. di gamberetti surgelati già sgusciati
3 zucchine
2 spicchi d'aglio
prezzemolo fresco tritato
olio (piccante se preferite)
vino bianco
sale
  • Preparazione:
soffriggere leggermente nell'olio piccante gli spicchi d'aglio tritati finemente;
aggiungere le zucchine che avrete precedentemente tagliate a dadini. Lasciare cuocere per pochi minuti quindi con il minipemer trasformare il tutto in una densa salsa verde.Aggiungere i gamberetti, il prezzemolo tritato e coprire con un coperchio.Dopo 15 minuti di cottura aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare a fiamma alta;aggiungere il sale a piacere, mescolare, rimettere il coperchio e completare la cottura.Cuocere intanto in abbondante acqua salata gli spaghetti al nero di seppia, scolarli al dente e versarli nella padella con la salsa.

Strozzapreti alle Fiamme dell’Inferno
  • Ingredienti:
olio di oliva extra-vergine
aglio
peperoncini rossi molto piccanti
pomodorini freschi o pelati
pane grattugiato
500gr. di strozzapreti.
  • Preparazione: 
Soffriggere l'aglio intero, aggiungere i peperoncini e il pomodoro a pezzetti.
Cuocere per circa 15 m. Cuocere al dente gli strozzapreti e passarli in padella con il sugo e una spolverata di pane grattugiato. 
  • Consigli:
Servire il piatto caldo con vino rosso.
SECONDI PIATTI

Toponi al forno
  • Ingredienti:
400g carne macinata;
1 uovo;
3,4 fette di pane carrè;
parmigiano reggiano grattugiato;
sale, pepe, peperoncino in polvere, olio;
pepe nero in grani;
olive nere snocciolate;
pomarola. 
  • Preparazione:
Preriscaldare il forno a 180° gradi;
In una ciotola capiente mescolate la carne tritata e l' uovo, poi aggiungete parmigiano reggiano e mollica di pane carrè tritata il più fine possibile, fino a rendere il composto il più compatto possibile;aggiustate di sale e date una bella spolverata di pepe.
Coprite una placca con della carta da forno e con le mani umide procedete nel comporre delle palline (non troppo grandi) col composto di carne: modellatele in modo che una estremità sia più allungata, a mo' di goccia.. sarà il muso del vostro topo!Via via disponeteli sulla placca distanziandoli fra loro. Una volta che saranno tutti pronti inserite i grani di pepe come si vede nella foto, per creare il muso del topo; tagliate le olive in 2 / 3 parti per il lato lungo ed inseritele come delle orecchie. Inserite la placca nel forno ben caldo e fate cuocere i topi per una mezz' ora (dipende da quanto li avete fatti grandi).Nel frattempo fate riscaldare la pomarola in un pentolino con un filo d' olio e una spolverata di peperoncino. Quando arriverete a servire su ogni piatto fate un letto di pomarola e sopra servite i vostri topini ben caldi!!!

Fantasmini di Uova
  • Ingredienti:
uova fresche
olive nere
salsine di verdure varie
  • Preparazione:
Fate bollire le uova per 8 minuti.
Spegnete il fuoco e lasciate riposare le uova nella loro acqua di bollitura. Quando si saranno raffreddate, sbucciatele;con un coltellino tagliate delle sezioni dall'uovo per fare dei buchetti che saranno gli occhi, la bocca e in aggiunta anche le sopracciglia. Tagliate una fettina per rendere i vostri fantasmini più stabili, nella parte bassa dell'uovo.Inserite delle minuscole fettine di olive nere per guarnire i volti dei fantasmini. Servite le uova con salsine e verdure.

Ali di Pipistrello in Salsa Paludosa
  • Ingredienti:
20 ali di pollo (sì sì è pollo, non pipistrello ma voi non ditelo a nessuno!) ;)
salsa di soia
paprika
sale e pepe
erbe aromatiche
aglio
Per la salsa: formaggio fresco, pepe, aglio, erba cipollina o asparagi (di guarnizione).
  • Preparazione:
Mettete le ali di pollo in una busta di plastica per cibi, in una grossa ciotola.
In una scodella mescolate la salsa di soia, la paprika, le erbe aromatiche, sale e pepe e l'aglio in pezzetti. Versate il tutto nella busta sulle ali di pollo, e agitate per insaporire bene. 
Lasciate riposare la busta in frigo per 3 o 4 ore.
Quando togliete il pollo dalla busta, tenete da parte la "marinatura".
Mettete le ali di pollo su una teglia per il forno e fate cuocere a 230 gradi per 10 minuti.
Versate il composto della marinatura sul pollo e fate cuocere per altri 15 o 20 minuti (o anche di più: fino a quando il pollo diventa tenero e non è più rosa). Servite le vostre ali di pipstrello su un grande vassoio addobbato, e accompagnatele con una ciotolina di Salsa Paludosa.
Preparazione Salsa :
preparatela mescolando del formaggio fresco fino a farlo diventare una crema, aggiungete pepe macinato e qualche spicchio d'aglio intero. Dalla salsa paludosa fate spuntare degli asparagi sbollentati o dei fili d'erba cipollina per guarnire.
DOLCI

Mele stregate
  • Ingredienti:
20 g cannella
2 chiodi di garofano
4 mele
100 g di miele
150 g di zucchero
1 busta di vanillina
1 fialetta di colorante alimentare rosso
  • Preparazione:
Preparate le mele: lavatele, asciugatele per bene e togliete il picciolo quindi infilzate ogni mela con uno stecco di legno per spiedini.
Mettete in un tegame 100 ml di acqua tiepida, lo zucchero, il miele, ed il resto degli ingredienti e fate caramellare il tutto.
Fate sbollire il tutto per 4 minuti e, mentre lo zucchero è ancora caldo e liquido, immergete le mele ad una ad una ricoprendole di  uno strato sottile di caramello.
Preparate quindi un vassoio con la carta da forno sul quale metterete ad asciugare le vostre mele stregate.Servite le mele fredde per non rischiare di bruciarvi col caramello.
  • Consigli:
Se volete dare alle vostre mele un pò di sapore in più, potete aggiungere alla ricetta 60 ml di alchermes, un liquore dal colore rosso intenso. E ricordatevi, quando immergete le mele nel caramello, di fate attenzione a non creare uno strato troppo spesso altrimenti una volta solidificato risulterà eccessivamente gommoso.

Dita della strega 
  • Ingredienti:
100 g di burro
280 g di farina
1 cucchiaino raso di lievito chimico in polvere
1 pizzico di sale
1 uovo medio
1 bustina di vanillina
100 g di zucchero a velo
22 mandorle pelate
marmellata scura o topping di fragole
  • Preparazione:
In una ciotola capiente ponete la farina, il burro freddo tagliato a pezzetti, l’uovo, lo zucchero al velo, la vanillina il sale e il lievito.
Impastate gli ingredienti nella ciotola fino ad ottenere una palla, poi continuate ad impastare su di una spianatoia fino a che l’impasto non risulti liscio e omogeneo.
Ottenuto l’impasto per i biscotti, formate un salsicciotto, dividetelo in pezzetti del peso di circa 25 gr l’uno, fino ad ottenere circa 20 pezzetti.
Lavorate ogni pezzetto con i palmi delle mani trasformandolo in un bastoncino della lunghezza di circa 10-12 cm.
Sagomate le nocche delle dita assottigliando la pasta appena prima e dopo di esse; rigatele poi leggermente con un coltellino dalla lama liscia. Sull’estremità delle dita, adagiatevi una mandorla spellata, pressandola leggermente: fungerà da unghia. A questo punto adagiate le dita delle streghe su di una teglia precedentemente foderata con carta da forno, lasciando uno spazio tra l’una e l’altra di circa 3 cm. Infornate i biscotti a 180° C in forno già caldo, per circa 20 minuti, dopodiché estraete le dita della strega e lasciatele raffreddare.
Una volta raffreddate, sicuramente noterete che qualche mandorla si staccherà dalla sommità dei biscotti: per fissarle più saldamente, intingete la parte della mandorla che poggiava sul biscotto nella marmellata e quindi riposizionatela nel posto originario.
Per rendere ancora più macabre le vostre dita della strega, potete “insanguinarle” con marmellata o topping di fragole.

Torta Foresta Nera
  • Ingredienti:
300 gr zucchero
70 gr mandorle tostate, pinoli e nocciole tritate
70 gr farina
70 gr biscotti secchi sminuzzati
1 litro di panna
6 uova, la buccia di un’arancia
1 bustina di lievito
2 cucchiaini di aroma all’arancia
1 arancia ed il succo di 1 arancia.
per farcire: 200 gr cioccolato fondente bianco, 1 fialetta colore arancione (colorante).
  • Preparazione:
nel boccale inserire lo zucchero e la buccia di arancia, unire 20 gr di zucchero, la panna da montare: 45-90 sec., unire l’aroma all’arancia e amalgamare per pochi secondi. Montare gli albumi (come da ricetta base). togliere la farfalla ed aggiungere tuorli, biscotti, mandorle, pinoli tritati, lo zucchero con la buccia di arancia ed infine il lievito: 2 min.
Versare il composto in una tortiera (dm 24 cm) imburrata ed infarinata e cuocere a forno preriscaldato a 180° per 40’ circa. sfornare e lasciare raffreddare completamente. tagliare la torta in tre strati, irrorarli con succo d’arancia, coprirli di panna montata e ricomporre il dolce.
Inserire nel boccale la cioccolata con colorante, stenderla sul piano di lavoro e lasciarla raffreddare completamente (lo strato deve essere molto sottile). Con il pela patate ricavarne dei riccioli e disporli sul dolce rivestendolo in modo uniforme.